Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Piazza Zona Libera 1944, n.28
33021 AMPEZZO UD
Tel. 0433-80050
Sezioni
Strumenti personali
« settembre 2017 »
settembre
lumamegivesado
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930
 

Via normale alla cima est del M.Tinisa e traversata alla cima principale

Azioni sul documento
Sei qui: Home - Turismo - Itinerari - Via normale alla cima est del M.Tinisa e traversata alla cima principale

La cresta sommitale del M. Tinisa è formata da tre distinte cime: la cima principale o cima Ovest 2120 m, la Cima di mezzo 2100 m e la Cima Est 2080 m. La Cima Est, su cui sono poste una grande croce e una panchina metallica, offre una magnifica veduta a volo d’uccello sulla conca di Ampezzo e la Valle del Tagliamento. Una veduta che, da sola, ricompensa ampiamente della lunga e faticosa salita.

L’itinerario qui di seguito descritto permette di raggiungere tutte tre le cime del M. Tinisa, e viene generalmente abbinato alla discesa per la via normale. L’itinerario, per la presenza di tratti esposti e passaggi di I grado, su terreno a tratti scivoloso e infido, è riservato solamente ad escursionisti particolarmente esperti.


Difficoltà
. EE (passaggi di I grado.)
Periodo consigliato: da fine giugno a fine settembre.
Segnavia. CAI 240.
Dislivello in salita: 850 m.


Itinerario
Coma est del monte TinisiaDal rifugio Tita Piaz 1417 m si segue la rotabile che scende in direzione del Lago di Sàuris fino a un parcheggio con un grande tabellone segnaletieo, a quota 1386 m. Da qui ha inizio sulla sinistra la strada forestale per Casera Tintina (500 m dal rifugio).
Si percorre la strada forestale (chiusa al traffico; segnavia CA1 215), per circa 1 km e, in corrispondenza dell’attraversamento del Rio della Calcina, si prende a sinistra seguendo la traccia con segnavia CAI 240 (ore 0.20). Si risale lungamente il rio e, dove diviene più ripido, si prosegue per tracce di sentiero poco marcate, lungo la costa detritica che delimita il rio sulla destra. Si sale faticosamente, per un lungo tratto, indi ci si riporta sulla sinistra del rio, alla base delle rocce della parete Nord del M. Tinisa.
Un’esposta traccia risale le ripide rocce soprastanti, supera un viscido canalino terroso (I.), e porta poi verso sinistra, a un altro canalino erboso che, risalito, conduce a un intaglio della cresta che raccorda il M. Tinisa al M. Tinisuta. La traccia prosegue obliquamente sul versante Est del monte fino a un ripido e arrotondato crinale detritico-erboso. Si risale il crinale fino a raggiungere la cresta Nord e, proseguendo lungo il filo di cresta con facile arrampicata (I), si raggiunge in breve la Cima Est 2080 m. (ore 1.40; ore 2.00 dalla rotabile del Passo del Pura).
La traccia segnalata prosegue quindi verso Ovest, nei pressi della cresta sommitale. Ci si abbassa fino ad un intaglio e si prosegue poi per cresta fino all’intaglio successivo (I) dal quale, tenenosi a sinistra, si sale alla Cima di Mezzo 2100 m.
Si segue ancora per un  tratto la cresta sommitale, poi si scende a sinistra (Sud), per esili tracce, fino a un altro stretto intaglio. Si scende ancora qualche decina di metri per un canale poi, per una cengia, ci si porta sui pendii erbosi del versante Sud che, risaliti, conducono in breve alla cima pnincipale del M Tinisa 2120 m (ore 0.30; ore 2.30).