Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Piazza Zona Libera 1944, n.28
33021 AMPEZZO UD
Tel. 0433-80050
Sezioni
Strumenti personali
« novembre 2017 »
novembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
 

La foresta di Ampezzo

Azioni sul documento
Sei qui: Home - Paese - Territorio - La foresta di Ampezzo

faggeta

La Foresta di Ampezzo è situata nell’alta Val Lumiei e comprende alcuni tra i boschi più belli della Carnia: il bosco Bernon, il bosco della Stua, il bosco Cavallo, il bosco Flobia, il bosco Colmajer

Dalla sponda meridionale del Lago di Sauris e dal margine della selvaggia gola del Torrente Lumiei questi boschi si estendono fino al Passo del Pura e alla base del monte Tinisa.

Si tratta in prevalenza di boschi misti di faggio, abete rosso e abete bianco che, nelle zone più elevate o impervie, lasciano il posto a boschi di larice e a fittissime distese di mughi. Solo in alcuni settori la foresta è costituita da pecceta quasi pura (ad esempio nel bosco Bernon). 

tintina.jpg

Nella Foresta di Ampezzo sono compresi anche i piccoli pascoli delle casere Tintina, Nauleni e Colmajer e la più vasta spianata del Passo del Pura. Il tutto è dominato delle pareti calcaree del monte Tinisa e dalle cime dei monti Sisilis, Colmajer e Nauleni.

Notevole è il pregio naturalistico dell’area in primo luogo sotto il profilo botanico. Nel gruppo del monte Tinisa, come del resto in tutte le montagne della Carnia, si possono rinvenire infatti un numero e varietà di specie che hanno pochi eguali anche in aree geografiche assai più vaste. Ciò è dovuto in primo luogo alla posizione geografica delle montagne friulane che sono state interessate, in special modo nel corso del susseguirsi delle ultime glaciazioni, da migrazioni di specie provenietingenti floristici diversi: specie artico-alpinnti da cone (che dalle regioni artiche si spinsero verso Sud in concomitanza della massima espansione delle calotte glaciali), specie mediterranee ed insubriche (che invece migrarono da Sud e da Ovest in occasione delle fasi interglaciali) e specie illiriche (provenienti da Sud-Est a seguito dell’ultima glaciazione würmiana). foresta05.jpg


Anche gli aspetti geologici di queste montagne sono di indubbio interesse. Le Carniche sono infatti una delle aree delle Alpi più antiche e più complesse, in special modo per quanto riguarda la successione stratigrafica. Lo studio dei diversi strati rocciosi e dei relativi fossili, conservati ed esposti al Museo Geologico della Carnia, ha permesso infatti ai geologi di ricostruire la storia degli ultimi 450 milioni di anni di questo settore dell’arco alpino.


Ricca è anche la fauna. Nella Foresta di Ampezzo non è difficile imbattersi in un capriolo o in un camoscio, oppure far fuggire tra i cespugli, al nostro passaggio, un gallo forcello. Più rari sono l’emozionante incontro con un cervo o la possibilità di scorgere in cielo l’aquila reale.

camoscioIl bosco è sempre stato un elemento fondamentale per l’economia della comunità ampezzana, e l’utilizzo dei boschi di questo comune ha una storia secolare.

Alcuni di essi, oggi di proprietà del Consorzio Boschi Carnici, furono riservati dalla Repubblica di Venezia a suo uso esclusivo. NeI 1581 il Consiglio dei Dieci, uno tra i massimi organi di governo di Venezia, ratificò l’accordo con il quale la Serenissima individuava in tutta la Carnia trentanove boschi, tra quelli già appartenuti allo Stato Patriarcale Friulano, e li riservava ai fabbisogni dell’Arsenale o ad altri usi pubblici. La politica forestale della Serenissima fu sempre molto accorta ed efficace nella salvaguardia del patrimonio boschivo. Dopo la caduta di Venezia il patrimonio forestale della Carnia fu oggetto invece di uno sfruttamento senza regole, e subì un generale degrado. La Foresta di Ampezzo superò senza grossi danni questo periodo, sia grazie alla buona situazione economica del comune, che non fu costretto a utilizzare in maniera massiccia il suo patrimonio forestale, sia, soprattutto, per l’isolamento di questi boschi che rendeva difficile il loro sfruttamento. Fino ai primi anni del ‘900 infatti l’utilizzo di questi boschi era reso estremamente oneroso dalla mancanza di strade.fluitazione legname 2 Il trasporto della legna da ardere era effettuato mediante il sistema della fluitazione. Dove oggi sorge la diga del Lumiei, c’era una stua, uno sbarramento che permetteva di imbrigliare le acque del torrente e di formare un laghetto artificiale. Quando i portelloni della stua venivano aperti, il legname, in precedenza accatastato a valle dello sbarramento, veniva trascinato dall’impeto della piena artificiale, attraverso la gola del Torrente Lumiei, fino ad Ampezzo.

Efficiente per il trasporto della legna di piccola pezzatura, il sistema della fluitazione non funzionava altrettanto bene per trasportare il legname da opera. I lunghi tronchi rimanevano infatti incastrati tra le strette pareti del Sac di Coronis, il punto più stretto della Forra del Lumiei e, nella migliore delle ipotesi, giungevano ad Ampezzo gravemente danneggiati.
Per trasportate i tronchi tagliati in Val Lumiei si attendeva generalmente l’inverno. I tronchi venivano caricati su slitte trainate da cavalli o da buoi, che venivano poi trascinate in salita fino al Passo del Pura. Dal passo, i tronchi venivano poi fatti scendere attraverso appositi scivoli (risme) fino ad Ampezzo.
Date le enormi spese di trasporto è facile immaginare quanto modesto fosse, fino all’inizio di questo secolo, il valore dei boschi che costituiscono la Foresta di Ampezzo. Solamente intorno al 1910 s’iniziò il trasporto dei tronchi attraverso il Passo del Pura, mediante un complesso e ingegnoso sistema di teleferiche. foresta08.jpg Ma dovettero passare ancora alcune decine di anni, perché il problema del trasporto del legname fosse definitivamente risolto. Solo dopo la costruzione delle rotabili della Val Lumiei e del Passo del Pura i boschi della Foresta di Ampezzo hanno acquistato il valore economico che oggi hanno. Una valore rilevante, se si pensa che la Foresta di Ampezzo fornisce annualmente tremila metri cubi di legname, con un significativo introito per le casse comunali.  Diverse casere erano attive un tempo all’interno della Foresta di Ampezzo. Anche se disponevano di pascoli di ridotta estensione, questi alpeggi rappresentavano in ogni caso un’importante risorsa economica in periodi in cui anche il più piccolo prato era utilizzato per nutrire il bestiame. Oggi viene monticata solo la Casera del Pura, la malga più accessibile e l’unica ad avere pascoli di una certa vastità.


Negli ultimi anni il Passo del Pura e i sui dintorni sono stati riscoperti anche in chiave turistica. A tale riscoperta hanno contribuito la presenza del rifugio Tita Piaz e della Baita Torino e la buona rete di sentieri segnalati, che dal Passo del Pura permette di salire fin sulle cime circostanti.
flobia.jpgUn contributo importante è dovuto anche alla realizzazione del sentiero naturalistico Tiziana Weiss, iniziativa pilota nel settore della divulgazione naturalistica in Carnia e in Friuli Venezia Giulia.

Alla valorizzazione della Foresta di Ampezzo, quale risorsa turistica, sono indirizzati inoltre diversi interventi del comune di Ampezzo finalizzati alla segnalazione dei sentieri, al recupero dei fabbricati delle casere e alla divulgazione degli itinerari escursionistici. In prospettiva c’è infine la volontà di rendere accessibile il Passo del Pura e il rifugio Tita Piaz dal versante saurano, anche nei mesi invernali.

Si vuole così dare la possibilità, in special modo agli appassionati dello sci da fondo, di scoprire la Foresta di Ampezzo anche nella sua magica e silente veste invernale.


COME RAGGIUNGERE LA FORESTA DI AMPEZZO

Accesso per il Passo del Pura.
Da Ampezzo 560 m si segue la strada statale n. 52, in direzione di Forni di Sopra. fino al bivio dal quale si stacca sulla destra la panoramica rotabile del Passo del Pura (indicazioni).
Seguendo la rotabile, che compie una lunga serie di tornanti e offre vasti scorci panoramici sulla conca di Ampezzo e su tutta la media Val Tagliamento, si sale al Passo del Pura 1428 m e si raggiunge il vicino rifugio Tita Piaz 1417 m (12 km da Ampezzo).

Accesso per la valle del Torrente Lumiei.
Uscendo da Ampezzo 560 m, in direzione di Forni di Sopra, si svolta a destra, seguendo la strada per Sauris. La strada risale la Valle del Lumiei fino all’arditissimo Ponte del Buso, e prosegue poi, in gran parte in galleria, sul fianco opposto della vallata. Giunti alla Diga del Lumiei 981 m, che dà origine al Lago di Sauris, si segue la strada che passa sulla diga. La rotabile costeggia per un tratto la sponda meridionale del lago e sale poi, con numerosi tornanti, fino al Rifugio Tita Piaz 1417 m e al Passo del Pura 1428 m (13 km da Ampezzo).