Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Piazza Zona Libera 1944, n.28
33021 AMPEZZO UD
Tel. 0433-80050
Sezioni
Strumenti personali
« ottobre 2017 »
ottobre
lumamegivesado
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
 

Le zone libere nell'Italia occupata

Azioni sul documento
Sei qui: Home - Paese - Storia - La zona libera della Carnia e del Friuli - Le zone libere nell'Italia occupata

Lo sfondamento del fronte di Cassino (maggio ‘44), la liberazione di Roma (4 giugno), la rapida avanzata delle truppe alleate fecero sperare che la liberazione dell’intero territorio nazionale fosse ormai prossima. Gli organi dirigenti della Resistenza, cioè il Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia e il Corpo Volontari della libertà emanarono disposizioni perchè le formazioni partigiane liberassero ampi territori allo scopo di “permettere la più vasta mobilitazione di forze popolari e di risorse materiali e la costituzione di basi per le più ampie battaglie che sono prossime”.

la targa che ricorda la Zona Libera della CarniaLe Zone Libere che si costituirono in Italia fra il marzo e il luglio 1944 furono circa una quindicina. Si svilupparono un po' ovunque, dal Piemonte (Ossola), alla Lombardia, alla Liguria, all’Emilia, all’Umbria, al Veneto, alla Val d’Aosta, al Friuli, dove si costituirono le Zone Libere del Friuli Orientale e quella della Carnia.

Questi territori, sempre secondo le disposizioni del C.L.N.A.I. e del C.V.L. andavano organizzati politicamente con la costituzione di giunte comunali democratiche, che dovevano rappresentare il primo modello di quella che sarebbe stata l’Italia del dopoguerra.