Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Piazza Zona Libera 1944, n.28
33021 AMPEZZO UD
Tel. 0433-80050
Sezioni
Strumenti personali
« novembre 2017 »
novembre
lumamegivesado
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930
 

Marco Davanzo

Azioni sul documento
Sei qui: Home - Paese - Arte e cultura - Personaggi celebri - Marco Davanzo

davanzo autoritratto.jpgNell’importante filone espressivo della pittura di paesaggio di fine Ottocento si forma la personalità artistica di Marco Davanzo; pittore carnico tra i più importanti e significativi, nato ad Ampezzo il 25 luglio 1872 da un’agiata famiglia di commercianti provenienti dal Cadore.

Le sue innate qualità pittoriche fecero si che la famiglia, su insistenza di Camillo Boito, noto critico e personalità artistica di primo piano nel panorama del tempo, insegnante di architettura all’Accademia di Brera a Milano, accordasse l’iscrizione all’Accademia veneziana, scuola frequentata dal Davanzo dal 1888 al 1892.
Marco Davanzo matura le sue naturali inclinazioni artistiche con i maestri Ettore Tito per la pittura e Antonio  Dal Zotto per la scultura.

Agli anni veneziani segue un breve periodo- dal 1892 al 1894 - a Roma, dove l’artista si perfeziona seguendo i corsi all’Accademia di Francia. Nel 1895 è nuovamente a Venezia per frequentare la scuola libera di nudo.
I fertili anni di studio giovanili sono documentati dai primi ritratti eseguiti soprattutto ai familiari, opere in cui l’artista dimostra di aver maturato la iniziale interpretazione realistica con accenti sempre più sensibili alla resa plastica delle figure e alla interpretazione psicologica dei personaggi.
davanzo quadro 3.jpg
Caratteristiche del tratto pittorico del Davanzo sono i paesaggi, le atmosfere cristalline di alta montagna, l’interpretazione veristica del mondo agrario e contadino, vissuto come metafora di una sacralità che si rivela nel quotidiano. Tali affinità stilistiche sono ben documentate nella prima grande opera, di notevole impegno, la sfoglia, dipinta dal Davanzo nel 1898 ed inviata all’Esposizione   Nazionale di Torino di quell’anno, a Londra nel 1903 e a Parigi nel 1904.
Nel 1900 Davanzo sposa Anna Benedetti  e nel 1901 nasce la figlia Elisa.
Nel 1903 è presente con l’opera Sera d’inverno alla Quinta Biennale veneziana, dal 1908 al 1911 partecipa alle esposizioni annuali organizzate dall’Opera Bevilacqua La Masa a Ca’ Pesaro di Venezia e nel 1912 è presente all’Esposizione internazionale di Monaco.

La famiglia Davanzo, dopo la sconfitta di Caporetto, è costretta a riparare nelle Marche, dove troverà ospitalità presso la famiglia Carnevali sino al 1921.
La dura esperienza della guerra, il prolungato soggiorno maceratese, si faranno sensibilmente sentire nelle opere degli anni 20-30; dipinti dove l’artista dimostra di aver aggiornato la sua tavolozza pittorica, più sciolta nel ritmo compositivo e più accesa nei toni cromatici adottati. Ma la diversa impostazione è forse in parte anche giustificabile con i contatti inttrattenuti in quegli anni con il pittore friulano Giovanni Napoleone Pellis.

davanzo quadro1.jpgNegli anni tra le due guerre Marco Davanzo è un artista ufficialmente riconosciuto. Partecipa nel 1927 a Bologna all’Esposizione d’Arte del Paesaggio e a Milano, nel 1929, vince una medaglia d’argento all’Esposizione d’Arte Montana.
Col secondo conflitto mondiale si conclude anche la sua attività espositiva. I tempi cambiano bruscamente e le novità rivoluzionarie delle avanguardie del Novecento decretano il definitivo superamento stilistico della sua pittura, coerentemente impostata, nell’arco della sua lunga vita, su un lirico naturalismo espressivo.
Negli ultimi anni Marco Davanzo si ritirerà a vita appartata, continuando sin quasi alla fine - si spegne ad Ampezzo il 2 luglio 1955 - a dipingere e intrattenere con le sue montagne quel fertile ed intenso rapporto emozionale, testimoniato nella copiosa produzione, oggi acquisita dal Comune di Ampezzo, che si può osservare nella rinnovata mostra permanente allestita presso il Palazzo A. Unfer.