Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Piazza Zona Libera 1944, n.28
33021 AMPEZZO UD
Tel. 0433-80050
Sezioni
Strumenti personali
« ottobre 2018 »
ottobre
lumamegivesado
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031
 

Museo geologico della Carnia

Azioni sul documento
Sei qui: Home - Paese - Arte e cultura - Museo geologico della Carnia

P.zza zona Libera 1944 - Palazzo “A. Unfer” 

 

                                         fossile 2.jpg  fossile.jpg

 

 

 

Un museo geologico in Carnia

La conoscenza dell’ambiente passa anche dalla comprensione della sua geologia, soprattutto in un territorio come la Carnia, una delle poche zone in Europa in cui il patrimonio geologico e paleontologico si sia conservato con completezza, registrando le varie tappe dell'evoluzione avvenuta nelle Alpi Carniche per un arco di tempo di circa 400 milioni di anni.
La completezza della successione rocciosa ordoviciano-giurassica e la ricchezza di fossili che testimoniano fatti assai significativi nella storia della vita sulla terra, sono la ragione della nascita di questo Museo.
Già il geologo Michele Gortani l’aveva compreso, quando, negli anni ’60, concepì l’idea della creazione di un simile museo in Carnia. Nel 1996 la Comunità Montana della Carnia, attualmente Unione Territoriale Intercomunale, proprietaria dell’Istituzione Museale, concretizzò il proposito di Gortani, scegliendo come sua sede Ampezzo, con la collaborazione dell’Amministrazione Comunale che ha messo a disposizione la prestigiosa sede di Palazzo Angelo Unfer.

 geologico 1


L’allestimento

Allestito secondo criteri moderni e didattici, il Museo, ospitato nel Palazzo Angelo Unfer, raccoglie rocce e soprattutto fossili di notevole interesse scientifico, illustrati da pannelli esplicativi e apparati multimediali che permettono al visitatore di ripercorrere la storia del territorio carnico da 450 fino a 40 milioni di anni fa: dai mari dell’Ordoviciano, nell’era Paleozoica, abitati da trilobiti, briozoi e brachiopodi, alle barriere coralline formatesi successivamente; dalle prime pianure del Carbonifero ove si diffondono gli anfibi, ai loro discendenti, i rettili. Tra questi ultimi, preziosi sono i fossili dei più antichi rettili volanti del mondo, gli pterosauri ritrovati a Preone. Fino a giungere, all’avvenimento che ha conferito al territorio i lineamenti che vediamo oggi: l’orogenesi alpina, ovvero la nascita della catena alpina.
Il museo ospita anche sezioni dedicate a bambini e ragazzi: lo spazio rivolto ai più piccoli, con giochi scientifici sulla geologia e la paleontologia, che permette loro di avvicinarsi a queste materie in modo divertente; la sezione hands-on, dedicata alla sperimentazione da parte dei ragazzi; una biblioteca specializzata nei temi della geologia e museologia.

 geologico 2

Il percorso espositivo

Il percorso espositivo è arricchito da ricostruzioni e attrezzature multimediali che permettono al visitatore un tuffo negli ambienti del passato. Le spiegazioni, fornite in italiano, inglese e tedesco, rendono la collezione accessibile ed interessante anche per coloro che si avvicinano per la prima volta alla materia. Largo spazio è riservato all’aspetto sensoriale: al Museo Geologico della Carnia, infatti, non tutti i reperti sono protetti dalle bacheche, ma è possibile toccare con mano campioni di rocce o seguire con le dita i contorni di alcuni fossili.

Il Museo è dotato anche di percorso in braille per non vedenti. L’esposizione è pensata per favorire l’accessibilità universale, con altezze studiate anche per utenti in carrozzina o semplicemente per permettere anche ai più piccoli di osservare i campioni esposti.

Attigua al museo è a disposizione dei ragazzi la sala hands on, con giochi e piccoli esperimenti che permettono loro di comprendere i concetti illustrati al museo divertendosi.

 

 

Le mostre temporanee

In un apposito spazio espositivo vengono organizzate, soprattutto nei mesi estivi, mostre temporanee che approfondiscono di volta in volta alcuni aspetti di particolare rilievo della storia geologica del territorio.

 

 

 

La biblioteca

Il museo dispone di una biblioteca scientifica specializzata sui temi della geologia, consultabile su richiesta, contattando l’ufficio CarniaMusei presso l’Unione Territoriale della Carnia, con sede a Tolmezzo: telefono 0433 487779 (orari d’ufficio) – email carnia.musei@carnia.utifvg.it 

 

 angolo ragazzi

Il laboratorio didattico

All’interno dell’edificio che ospita la collezione è allestito un attrezzato laboratorio didattico dove CarniaMusei, la rete Museale della Carnia, propone alle scolaresche attività didattiche con operatori qualificati, al fine di assimilare e comprendere i concetti affrontati durante la visita attraverso l’interazione e la manualità.

 

 

Info & Orari

> Orario Estivo:

Giugno-settembre: dal martedì alla domenica con orario 9.30-12.30 / 15.00-18.00.

> Orario invernale:
Ottobre - gennaio (escluso periodo natalizio): apertura su richiesta.
Febbraio - maggio: aperto sabato e domenica con orario: 15.00-18.00.

> Orari periodo natalizio:
dal 23 dicembre al 6 gennaio 2018 aperto tutti i giorni - escluso il giorno di Natale - con orario: 15.00-18.00.
> Servizi offerti: bookshop, visita guidata e laboratorio didattico su prenotazione a cura di CarniaMusei e materiali divulgativi, audioguide gratuite in italiano, inglese e tedesco.
> Accessibile ai diversamente abili.

> Ingresso gratuito


Per informazioni
Ufficio CarniaMusei – Unione della Carnia
Tel. 0433.487779-26 / Fax 0433.487760
e-mail: info@carniamusei.org

Biglietti

Ingresso gratuito.

 

 

 

 

 

 

 



Per ulteriori informazioni si invita a consultare i seguenti siti internet: 

- www.carniamusei.org

- www.provincia.udine.it/musei/italiano/Pages/default.aspx